domenica 22 settembre 2013

Pasta Calamaro

Questo piatto è un classico della cucina Campana e ogni volta che mi è capitato di gustarlo, mi ha sempre provocato un piacere immenso, grazie all'esplosione di sapori che si sposano perfettamente a questa pasta liscia dal nome pasta calamaro.
E così ho deciso di acquistarla affidandomi al premiato pastificio AFELTRA, e che giusto per capirci dichiara sul pacco che essendo una pasta praticamente artigianale è impossibile dichiararne il tempo di cottura.






Ingredienti per 4 persone.

400 g di pasta calamaro trafilata bronzo Afeltra
600 g di calamari freschi del mediterraneo
200 g salsa di pomodoro
100 g pomodori datterino
1 bicchiere vino bianco
Olio evo
Prezzemolo
Cipolla
Aglio
Olio al Peperoncino
Sale





Tritate cipolla, aglio e prezzemolo e fateli soffriggere qualche istante con olio e qualche goccia di olio al peperoncino, appena avranno rilasciato il profumo mettete i calamari che avrete precedentemente pulito e tagliato a rondelle. Cuoceteli qualche minuto a fuoco vivo e poi bagnate con il vino lasciandolo sfumare. A questo punto vi troverete i calamari in un guazzetto a cui aggiungerete la salsa di pomodoro, regolate di sale e lasciate cuocere a fuoco lento fino a quando i calamari saranno teneri. Spegnete e lasciate al caldo coprendo con il coperchio. Tagliate i pomodori datterino a metà per il lungo, ungeteli, salateli leggermente ed essiccateli in forno a 250 gradi per qualche minuto. Nel frattempo avrete già buttato la pasta calamaro che vi confermo cuoce in non meno di 20 minuti e che ovviamente scolerete al dente.
Condite la pasta con il sugo della "calamarata" e impiattate aggiungendo qualche fogliolina di prezzemolo e i pomodori pachino essiccati.  Dimenticavo...Buon Appetito




Nessun commento: