domenica 19 gennaio 2014

Bis di Canederli

I canederli che in tedesco si chiamano Knödel, sono un primo piatto tipico della cucina tedesca, austriaca, ceca, slovacca e persino polacca, ma io li ho gustati per la prima volta a Merano nel cuore del Sud Tirolo. Si tratta di grossi gnocchi dall'aspetto povero ma dal sapore delicato, che io ho voluto preparare nelle due versioni classiche, con burro fuso e in brodo.   
 

 



Ingredienti per 4 persone:

250 g di pane raffermo
150 g di Speck dell'alto Adige IGP
2 Uova
1 l di brodo

250 ml latte
40 g farina
Prezzemolo
Erba cipollina
Cipolla
Aglio
Salvia
Burro
Sale
Pepe 

Preparazione:



Il segreto per ottenere dei canederli perfetti è seguire minuziosamente la ricetta originale.
Lasciando il grasso, tagliare lo speck prima in fettine, poi a julienne e infine in cubetti che alla fine dovranno essere di 3 millimetri per lato. Tritate finemente la cipolla e fatela rosolare  insieme allo speck a fuoco lento, quando sarà imbiondita e il grasso sarà trasparente spegnete.  Nel frattempo tagliate tutto il pane con lo stesso procedimento dello speck ma ottenendo cubetti di  5 mm di lato. In una ciotola capiente mettete le uova intere e  il latte, sbattete con la forchetta e di seguito aggiungete il trito di prezzemolo ed erba cipollina. Incorporate il soffritto, regolate di sale e pepe. Aggiungete il pane a cubetti e con delicatezza impastate il tutto con le mani, creando una specie di palla che lascerete riposare in frigorifero per 15 minuti. Passato il tempo, aggiungete la farina nella dose prevista, che servirà a dare consistenza all’impasto, lasciando un po’ di farina a parte.
Ora non vi resta che fare i canederli, prendete un po’ di impasto e lavoratelo velocemente con le mani bagnate di acqua in modo da non farle appiccicare. Ottenuto il gnocco dategli una girata veloce nella farina e  ponetelo in un piatto. Per queste dosi si dovranno ottenere circa 16 canederli di 5 cm di lunghezza e 3 cm di circonferenza.  Immergete delicatamente i canederli nel brodo bollente  e quando riaffioreranno saranno cotti. A questo punto impiattate servendoli in brodo o conditi con burro fuso profumato all’aglio e salvia.
Buon Appetito.




 

Nessun commento: