mercoledì 18 dicembre 2013

Sua maestà la Ribollita

Una ricetta umile per un piatto grandioso che i nostri amici Toscani preparano tutto l'anno, ecco cos'è la Ribollita. Io l'ho adorata da subito, a tal punto, che ho deciso di apprenderne i segreti per cucinarmela a casa.



Ingredienti per 4 persone:

250 g cavolo nero
250 g verza
1 patata
1 carota
1 gamba di sedano
1 cipolla
1 porro
250 g di fagioli cannellini
Olio evo
1/2  Lt di brodo vegetale
Pomodoro concentrato
4 fette Pane casereccio
1 Pezzetto di prosciutto cruto 
Mazzetto odori
Sale
Pepe


 
Preparazione:

Come prima cosa, mettete a bagno i fagioli secchi per almeno 12 ore. Una volta ammollati fateli lessare nella loro acqua a cui avrete aggiunto un mazzetto di odori, quando saranno pronti tenete il tutto in caldo, mi raccomando non scolateli. Preparate il trito con tutte le verdure e fatele rosolare con il prosciutto. Nel frattempo mondate il cavolo nero e la verza, togliendo la costa centrale e tenendo solo il verde che farete a pezzetti abbastanza piccoli. Aggiungete le verdure al soffritto salate e coprite in modo che la verdura perda di volume. Dopo qualche minuto aggiungete la patata fatta a pezzetti piccoli, e in egual misura fino a coprire le verdure, versate l'acqua dei fagioli e il brodo vegetale, nel quale avrete sciolto un paio di cucchiai di concentrato di pomodoro, lasciate cucinare per almeno un'ora. A questo punto della cottura prendete metà dei fagioli e passateli con parte della loro acqua di cottura, ottenendo una crema densa, prendete il pane casereccio e fatelo a pezzetti, incorporate nella ribollita la crema di fagioli, i fagioli e il pane, regolate di sale e date una grattata di pepe nero. Lasciate cuocere per un'altra mezz'ora rimestando abbastanza frequentemente. A questo punto è pronta, ma la tradizione vuole che venga mangiata il giorno dopo e quindi vi toccherà aspettare, se invece non resisterete allora ricordatevi che va servita nei piatti o meglio nelle ciotole tipiche, dopo aver dato un generoso giro d'olio, ovviamente toscano e se gradite una grattatina di parmigiano reggiano.

 
 


 

Nessun commento: